Largo Francesco Bonifacio 1, terzo piano interno 20 - Trieste

codice fiscale 90110660322  registro regionale volontariato n1301 in data 27/03/2015

Molte persone con sclerosi multipla vengono coinvolte in attivitá di ricerca per determinare l’efficacia o la sicurezza di un farmaco o di una terapia o di uno strumento di indagine sulla malattia.

Molti sono i fattori coinvolti per rendere certi che uno studio è condotto in maniera appropriata e che i risultati ottenuti sono validi.

Tre sono le fasi che devono essere superate prima che per esempio un farmaco sia approvato per il trattamento di una malattia.

Prima fase: serve a determinare la sicurezza, i ricercatori osservano come l’essere umano reagisce alla terapia.

Seconda fase: se la terapia è sicura, gli studi cominciano a definire l’efficacia del farmaco nelle persone con quella determinata terapia. Questi studi coinvolgono un gran numero di persone e richiedono mesi o anni di studio.

Si dice che uno studio è “controllato” quando un farmaco è messo a confronto con un trattamento già conosciuto o con un “placebo”( sostanza inattiva).

Terza fase: se un farmaco si dimostra efficace uno studio più ampio viene condotto per una migliore comprensione e conoscenza dell’efficacia del farmaco e dei possibili effetti collaterali.Questi studi sono spesso multicentrici, cioè vengono condotti per diversi anni in centri di molti paesi.

Quarta fase: dopo l’approvazione di un farmaco, gli studi possono essere condotti per valutare sicurezza ed efficacia a lungo termine.

Che cosa è un Clinical Trial ?

L’associazione Volontari per la Sclerosi Multipla è una associazione di volontariato che non ha il fine di approvare o raccomandare uno specifico prodotto o  terapia ma vuole fornire informazioni per aiutare le persone con SM a prendere le loro personali decisioni.

Importante

Ricerca

Natalizumab treatment of multiple sclerosis: new insights.

DelbueComarFerrante

Abstract

Natalizumab is a monoclonal antibody directed against the α4 chain of the very late activating antigen 4 and α4β7 integrins, present on the leukocytes surface, used as monotherapy for the treatment of relapsing-remitting multiple sclerosis. It substantially reduces relapse rate and the accumulation of disability, but its use is associated with a very adverse event, that is the development of progressive multifocal leukoencephalopathy, a fatal demyelinating disease of the CNS, due to the lytic replication of the human polyomavirus JC. The main focus of the review is to describe the newest insights on natalizumab, its current use in the clinical practice, the natalizumab-treated patients' management and the risk stratification related to the progressive multifocal leukoencephalopathy development

Immunotherapy. 2016 Dec 22
Review on the role of the human Polyomavirus JC in the development of tumors